8. Mai 2021

Bitcoin: L’attesa di un calo del 40% del prezzo è giustificata?

L’attuale corsa dei tori Bitcoin, o più appropriatamente chiamata „rally dei prezzi“, è stata avviata dai grandi investitori e dalle istituzioni, non dai commercianti al dettaglio.

E‘ evidente dal volume degli scambi e dall’attività sulle borse spot che le istituzioni stanno acquistando e HODLing. Ci sono grandi acquirenti spot e la correzione del prezzo di Bitcoin Loophole come la recente correzione del 15% del prezzo, potrebbe eventualmente scuotere le mani ai deboli.

In realtà, gli analisti a catena hanno previsto un calo del 40% del prezzo, come anticipato da molti, ma se lo si aspetta solo perché è successo nell’ultimo ciclo, è meglio pensarci due volte.

Il predominio istituzionale nell’attività di rete di Bitcoin è elevato in quanto le istituzioni che non investono direttamente in Bitcoin, stanno investendo in aziende come MicroStrategy che desiderano raccogliere capitali per investire in Bitcoin alla fine. Ad oggi, il 35% della capitalizzazione di mercato di MicroStrategy è Bitcoin. Questo potrebbe essere il caso per il resto dei 2,5 milioni di Bitcoin, nel qual caso i commercianti al dettaglio dovrebbero aspettarsi reazioni diverse dal mercato, non quelle viste in precedenza.

La fase parabolica ha portato alla scoperta del prezzo più volte in passato, e il fatto che le istituzioni potrebbero non lasciare abbastanza volatilità per un movimento di prezzo parabolico può emergere come una sfida, dal momento che la maggior parte sta anticipando la violazione di 20.000 dollari da parte di BTC. Inoltre, nonostante l’aumento dell’OI, l’opportunità di prolungare il Bitcoin non rimarrà altrettanto lucrativa sulle borse dei derivati.

È giusto aspettare un calo del 40% del prezzo del Bitcoin

Opzioni BTC OI

Le intuizioni del grafico dell’OI suggeriscono che l’OI, al momento della scrittura, era quasi allo stesso livello di un mese fa, e un calo della volatilità potrebbe portare a un ulteriore calo dell’OI nelle settimane successive.

Anche se la fase parabolica si attiva, potrebbe essere di breve durata in quanto l’offerta attiva 1Y-2Y è diminuita rapidamente. La Bitcoin rimasta inattiva per oltre 5Y e 7Y è entrata nelle borse a pronti e ha aumentato la liquidità, mentre gli acquisti istituzionali stanno assorbendo questa offerta e la partecipazione al dettaglio non è significativa nelle borse a pronti, sulla base dei volumi di scambio e del grafico dei prezzi.

Ad essere onesti, in base alle metriche e all’analisi a catena, un calo del 40% potrebbe non arrivare, dopo tutto. In attesa che il prezzo dei Bitcoin superi i 20.000 dollari prima della fine del 2020, diversi Bitcoin che giacciono dormienti nelle celle frigorifere sono riusciti a scambiare i portafogli e l’aumento di liquidità ha appena reso proporzionalmente impegnativo per la domanda istituzionale far salire il prezzo.